Privacy Policy

Cura dei Bonsai

bonsai3Per consentire un sano sviluppo al bonsai dovete stare attenti ad alcuni aspetti:  luce, potatura, annaffiatura, concimazione e rinvaso.

Luce.

Il bonsai ha bisogno di luce, senza di essa non può avvenire la fotosintesi, e se ciò non avviene la pianta non può sopravvivere. Pertanto il bonsai va posizionato nel posto maggiormente soleggiato, ma non sotto la luce diretta del sole. Se si tratta di un bonsai da interno, posizionatelo vicino a una finestra illuminata, ma durante la bella stagione è preferibile sistemarlo all’aperto per far si che la chioma venga a contatto con aria fresca e rugiada notturna.

Innaffiatura.

Il bonsai va innaffiato solitamente una volta ogni tre giorni circa ma durante il periodo estivo, è bene vaporizzare un po’ d’acqua sulle foglie per rinfrescare il bonsai tutti i giorni. Fate attenzione agli eccessi di acqua, provocheranno marciume radicale quindi la sua morte.

Rinvaso.

I vasi da giardino vanno cambiati ogni tre anni circa: le radici del bonsai hanno una crescita abbastanza lenta, per cui non è necessario un rinvaso costante della pianta.

Potatura.

Altro aspetto da non sottovalutare è la potatura che deve essere rigorosamente accurata. Bisogna man mano potare delicatamente i germogli che rovinano l’estetica della pianta, creando disordine all’interno dello spazio verde.

Concimazione.

Per quanto riguarda la concimazione, ci sono tre diversi tipi di concimi: organici, minerali e organo-minerali. I concimi organici possiedono elementi nutritivi di origine animale o vegetale e la loro composizione organica, fornisce un’alimentazione equilibrata e costante, mantenendo vitale il substrato, cosa che non avviene con i concimi di sintesi, essendo privi di sostanza organica anche se si rivelano più potenti.

Sono da preferire concimi fluidi o solidi? I concimi fluidi hanno il vantaggio di essere assimilati immediatamente dalle radici, consentendo di verificare il loro effetto in pochi giorni. Tuttavia devono essere somministrati più frequentemente, ogni 1 o 2 settimane. I concimi solidi, invece, rilasciano gradualmente i loro elementi nutritivi e ciò comporta pochi interventi nell’arco dell’anno.

Fonte: Ideegreen.it

 

bonsai1

bonsai2